Rituale di Samhain

Il capodanno celtico Samhain è finalmente vicino, e chi festeggia questo giorno magico sa bene che deve procurarsi tutto l’occorrente; allestire l’altare, preparare i doni agli dei che andranno nello spazio sacro. Ora c’è chi ormai è un veterano e non ha bisogno di una lista o una guida da seguire per eseguire il rituale, ma per i neofiti che si accingono per la prima volta al festeggiamento questo articolo vi sarà sicuramente d’aiuto.

Come allestire l’altare

Il vostro altare deve avere, innanzitutto, i colori dell’autunno; un tovagliato arancione sarebbe perfetto per fare da sfondo agli oggetti che poi posteremo su di esso. Quello che non deve mancare sono; una piccola zucca, se è possibile a lanterna, delle foglie secche, melograni, fiori autunnali come i crisantemi, e delle piccole candele arancioni. Al centro dell’altare andrà posta la ruota dell’anno celtica, ed ai due lati in corrispondenza delle statue del dio e della dea, una candela bianca e una candela nera.

Eseguire il rituale

Il rituale per essere eseguito ha bisogno di una mela, due fogli di pergamena inchiostro rosso (va bene anche un pennarello rosso), degli stecchini. Una volta preparato l’occorrente necessario, procuratevi e sistemate gli strumenti per aprire il cerchio sacro, dove nella semioscurità delle candele, evocherete la protezione delle torri degli elementi, e inviterete il Dio e la Dea nel vostro spazio sacro.

Fatto ciò, accendete la candela bianca che simboleggia la metà luminosa dell’anno appena passata e con questa candela accesa scrivete, con il pennarello rosso, su un dei fogli di pergamena, tutti gli errori e difetti che vorrete non ripetere nel prossimo anno. Accendete poi la candela nera, che sta a simboleggiare la metà oscura dell’anno in cui si sta per entrare, pensate qui, a ciò che vorreste nel nuovo anno, e riportatelo sul secondo foglio di pergamena.

“La ruota dell’anno ha concluso il suo giro
di nuovo volge i suoi raggi alla metà oscura
e nel Reame nascosto delle Ombre ci accingiamo a trovare posto.
Non dobbiamo temere il buio
in esso germogliano i semi di una nuova vita.
(Iniziate ad accendere le candele delle tonalità calde)
Prego gli Dei di riscaldarmi
durante il freddo di questa lunga notte
di aiutarmi a lasciare alle spalle il passato
ed illuminare il mio futuro
nella luce del vostro amore”

meditate a lungo sulla necessità di lasciarsi alle spalle le cose vecchie, anche se dolorose, come ad esempio un amore finito che ci ostiniamo a voler portare avanti o vizi e dipendenze come fumare o bere. Potete dedicare un pensiero ai cari che ci hanno lasciato e riflettere sulla necessità di accettare la loro dipartita. A questo punto potete effettuare piccole operazioni magiche, divinazioni o meditazioni.

Ulteriore rituale.

consiste nello spegnere tutte le luci della casa e posizionarsi davanti a una candela nera pensando a tutto ciò che è stato, nel bene e nel male, alle cose che stanno per morire e alle persone defunte care. Dopodiché si accende la candela pronunciando: “Accolgo con questa luce gli spiriti di coloro che se ne sono andati prima di me. Siate i benvenuti!“.In una coppa o un bicchiere si versa del vino bevendone un po’ dopo averlo offerto ai morti. Si possono eventualmente accendere candele per i cari defunti, sia bianche che di altri colori, utilizzando per accenderle la candela scura. Su un piatto si posizionano pane e dolci invitando i morti a banchettare con noi. Con la candela scura ci si avvia per le diverse stanze di casa accendendo le luci. Infine si getta una moneta fuori dalla porta d’entrata dicendo “Denaro sul pavimento, denaro sotto la porta“. La moneta va lasciata in quella posizione per un mese.

Ci sono anche erbe legate a Samhain, per esempio la salvia può essere mangiata per attirare denaro, le mele simboleggiano vita e immortalità.Visto che Samhain segna l’inizio dell’energia oscura/introversa ed è il momento giusto per connettersi con i cari defunti, che si dice raggiungano i vivi per salutarli, è opportuno preparare un altare adatto all’occasione, per non farli sentire tristi e abbandonati. Sebbene ogni tradizione rivisiti l’altare dei morti a modo proprio, si consiglia di addobbarlo con colori tipici del periodo, ovvero bianco, nero, rosso o arancio, e ovviamente con i simboli della stagione in corso, quindi zucche, anche intagliate, pigne, mele e ghiande. Si possono aggiungere tre candele, una bianca, una rossa e una nera, un calderone, un brucia-incesi, e le foto dei cari defunti cui l’altare è dedicato.

 

Precedente Festività Wicca ESTBAT. Successivo Itroduzione alla lettura. La vera Sibilla Italiana