Cos’é il Neopaganesimo (1 parte)

Prima di dichiarasi Wicca, una persona dovrebbe conoscere il Neopaganesimo e tutte le sue biforcazioni. Cercherò in più post per non farne uno troppo lungo di spiegarmi al meglio delle mie possibilità.

Cos’é il Neopaganesimo?

Neopaganesimo, Neo-Paganesimo o Nuovo Paganesimo(a volte anche Paganesimo moderno) è un termine ombrello che raggruppa un insieme di religioni, tradizioni e movimenti spirituali eterogenei, i quali si ispirano alle religioni pagane seguite nell’età antica in Europa e nel Medio Oriente. Alcuni studiosi fanno rientrare questo gruppo di religioni nel novero dei nuovi movimenti religiosi.

Esistono vari approcci nell’utilizzo del termine neopaganesimo. Un primo esempio si ottiene dalla definizione data in Merriam-Webster’s Encyclopedia of World Religions:

Questa differenza e contraddizione tra le due definizioni, viene ulteriormente accentuata dal fatto che molti dei movimenti che rientrano soprattutto nella prima definizione, rifiutano il prefisso “neo” (nuovo) preferendo definirsi semplicemente come “pagani”[(perciò vengono a volte definiti dai neopagani anche come “veteropagani”), “ricostruzionisti”[o con altri termini (vedere sotto il paragrafo relativo alla differenziazione nella nomenclatura), mentre coloro che rientrano nella seconda definizione, al contrario lo rivendicano in quanto, pur ispirandosi alle religione dell’antica paganità, sono consapevoli del loro approccio completamente nuovo e differente, rispetto alle religioni degli antichi e l’impossibilità di riviverle, dato il profondo cambiamento sociale e culturale avvenuto nei secoli. Quest’ultimo gruppo, come evidenziato nella seconda citazione, costituisce inoltre la maggioranza di coloro che solitamente vengono fatti rientrare nel novero dei movimenti neopagani e hanno raggiunto una consistenza numerica tale a livello mondiale da cominciare a rientrare nelle statistiche ufficiali delle principali religioni.

Il movimento neopagano si è sviluppato principalmente in Occidente nel corso della seconda metà del XX secolo, soprattutto negli ultimi decenni; esso dunque spazia da espressioni che rivendicano l’eredità e la continuità nella tradizione con le religioni dell’età antica (a questo si rifanno soprattutto i movimenti di ispirazione etnica, come la via ellenica, la via romana, la via norrena, slava, ecc.), sebbene spesso si riconoscano come inevitabili contaminazioni e adattamenti ai tempi moderni (ricostruzionismo pagano, diviso nei due opposti approcci mondialista e geneticista), a sistemi di credenze totalmente nuovi, sincretici e universalistici (a questa seconda tipologia si rifanno soprattutto la Wicca e il Druidismo, che in molti paesi costituiscono assieme anche i 2/3 dei neopagani[13] e costituiscono il cosiddetto eclettismo pagano).

Sebbene teologia, cosmologia e antropologia possano variare profondamente tra le varie forme di neopaganesimo, esiste una tacita condivisione di un approccio naturalistico, umanistico e relativistico all’esistenza.

Origine del termine paganesimo

l termine paganesimo deriva dal latino paganus, indicante in epoca romana l’abitante dei “pagi” (dal latino pagus, pagi), una tipologia di villaggi di campagna relativamente autonomi dal punto di vista amministrativo. Con il graduale imporsi del cristianesimo nell’Impero romano, i cristiani iniziarono a indicare spregiativamente come pagani tutti coloro che non desideravano convertirsi e abbandonare le natie religioni. Essi, infatti, risiedevano soprattutto nelle campagne, mentre il cristianesimo si era largamente diffuso nei centri urbani. Nell’uso del termine era implicita una contrapposizione di valore tra campagna e città: i culti politeisti pagani erano considerati tipici delle realtà agresti, legati al ciclo della natura, al lavoro manuale, alle figure dell’agricoltore e dell’allevatore, avulsi dalle più colte e raffinate società cittadine[16].

Il termine assunse coi secoli un significato neutro, essendo il paganesimo nel frattempo scomparso, e tecnico, venendo pacificamente usato in ambito accademico per indicare le religioni dell’età antica.

Origine del termine neopaganesimo

Il termine neopaganesimo (nuovo paganesimo) è un neologismo basato sulla parola paganesimo, attestato dal 1968 con la pubblicazione dei primi numeri di Green Egg, rivista neopagana gestita dalla Chiesa di Tutti i Mondi. Il termine si è poi affermato ed è usato dalla maggior parte delle comunità neopagane come espressione identitaria, in modo analogo all’uso dei termini cristianesimo, ebraismo o taoismo.

Per oggi mi interrompo qui. Se qualcosa non vi é chiaro chiedetemelo in un commento qui sotto.

 

Precedente Mi presento sono Isabella Successivo Cos’é il Neopaganesimo (2 parte)